Help get this topic noticed by sharing it on Twitter, Facebook, or email.

Codice deontologico di aNobii

Un certo signor Levtrotski fa un commento all'ultimo libro di Benedetto XVI, Gesù di Nazareth, in termini che offendono la persona in quanto tale (prima ancora che un Capo di Stato e chiunque si riconosca nella Chiesa cattolica) e sono del tutto estranei ad un contesto di civile confronto, specie in una sede in cui pare si promuova la cultura e non il tono sguaiato di un talk show televisivo.
Vorrei sapere se il linguaggio da lui usato è conforme alla deontologia richiesta da aNobii ai suoi partecipanti.
Come risposta desidero un "sì" o un "no".
Nel caso fosse "sì", seppure a malincuore, mi cancellerei immediatamente da aNobii.
2 people have
this question
+1
Reply
  • 2
    Puoi fare una segnalazione dell'utente e del commento in questione.
    Nel caso in cui violi i termini del servizio ( "you will not use the Website or other Services for the posting or transmitting of any unlawful, harmful, threatening, abusive, harassing, defamatory, vulgar, obscene, racially, ethnically or otherwise objectionable material of any kind"), verrà cancellato.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • 1
    Se chiedi di risponderti solo con un "no" o con un "sì", allora per quel che mi riguarda è "sì" e tuttavia mi spiacerebbe molto se a causa di questo tu cancellassi l'account, non ne comprenderei davvero il motivo.
    Credo peraltro non sia corretto tu chieda che ci si pronunci in modo così sommario: io ho letto quella recensione e ne ho lette molte altre di Levtrotski.
    Mi sembra che abbia un'opinione -su temi religiosi- formata con cura, attenzione ed approfondimenti non da poco.
    Che quell'opinione sia condivisibile o esecrabile poco rileva, direi, visto che è evidente che non saremo mai tutti d'accordo sulle stesse cose.
    Il suo far riferimento all'iscrizione di Ratzinger alla Hitler Jugend è forse lievemente strumentale (l'adesione era obbligatoria per chiunque avesse più di 10 anni) ma oggettivamente impeccabile: non si tratta di una falsità storica.

    Infine... il commento è sull'opera, opera che alcuni hanno apprezzato infinitamente ed altri stroncato... succede con moltissimi libri su aNobii ed ho letto, in questi anni, cose veramente molto più gravi ed offensive del commento da te citato (che, peraltro, è qui: http://www.anobii.com/books/Ges%C3%B9....

    Io, invece di adontarmi, semplicemente scelgo di stare alla larga dalle "librerie" verso le quali sento di non avere alcuna affinità, mi sembra un sistema molto più sano del precludersi la possibilità di tanti contatti preziosi ed importanti. :-)
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Mi trovo d'accordo con Novasintomnia.
    Si può concordare o meno con il pensiero di qualcuno o il contenuto dei libri di un autore, e il confronto sui differenti punti di vista in questo senso è senz'altro una delle funzioni più importanti svolta da Anobii. Ma l'insulto della persona mi sembra non ricada nei limiti di una corretta e civile discussione, oltre ad essere, almeno personalmente, particolarmente fastidioso.
    E' vero che Ratzinger fosse iscritto alla Hitler Jugend, sebbene egli spieghi bene nel volume " La mia vita " come abbia vissuto in maniera particolarmente dolorosa quella imposizione. Ma mi pare innegabile che l'attributo nazista utilizzato da Levtrotski non avesse come scopo quello di riportare un' indicazione storica " oggettivamente impeccabile ", come Paola scrive, ma semplicemente un intento denigratorio ed offensivo.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Concordo con Novasintomnia, in quanto l'offesa all'autore di un libro esula completamente dagli obiettivi di Anobii, ossia recensire i testi. Anobii non nasce come piattaforma per dare giudizi sulla persona degli autori, al limite sugli autori in quanto tali, e comunque preferibilmente per un giudizio critico sui testi.
    Al di là di ogni altra considerazione di buon gusto e rispetto per gli altri utenti.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • 1
    Io credo che chiunque abbia almeno un po' pratica di aNobii sappia perfettamente come il sito è strutturato.
    Non ha senso parlare dei "limiti di una corretta e civile discussione" se ci si riferisce ad una recensione perché essa -pur comparendo nella scheda del libro- è e rimane un'opinione personale espressa all'interno della propria libreria.
    Non era un un intervento in una discussione in un gruppo, chi l'ha scritto non voleva aprire un dibattito ma scrivere il suo pensiero (pratica che mi piace credere sia ancora libera, nonostante tutto, qui in Italia).
    Che quel pensiero possa disturbare è cosa che comprendo bene.
    Che ci si senta per questo chiamati a procedere con segnalazioni o richieste di cancellazioni è tutt'altro discorso, personalmente sono assolutamente contraria a ricorrere a quegli strumenti in un caso del genere.
    Citerei la inflazionatissima frase attribuita a Voltaire (anch'egli "stropicciato" in quella recensione):
    "Non condivido la tua opinione, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto ad esprimerla".

    Ecco, inviterei tutti ad indignarsi per quel che è veramente grave ed inaccettabile e non per una opinione legittimamente espressa.
    Quanto agli "obiettivi di aNobii", direi che essi non sono codificati in alcun modo, di sicuro non è vietato esprimere opinioni sugli autori, gli unici limiti sono quelli riportati da Claire, ed io non credo proprio si possa dire siano stati valicati.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Scusa Paola, ma se qui ognuno comincia ad offendere le persone degli autori si rischia la rissa mediatica. Anobii è un sito di libri da commentare e catalogare, ma se tutti si mettessero ad offendere gli autori, senza considerare che molti autori stessi hanno librerie su Anobii, degenerebbero i gruppi e tutto quanto
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • 1
    framoggi, io di insulti ad autori, e pesantissimi, ne ho letti a migliaia su aNobii.
    Nei commenti, nelle discussioni, nei feedback...
    Voi l'avete guardata la libreria di Levtrotski? Io sì e l'ho fatto perché novasintomnia mi ha contattata in privato per segnalarmi il "problema" (temo confondendo i ruoli ed i compiti di noi librarian, che non siamo moderatori di nulla, su aNobii).
    Su aNobii ho visitato tantissime librerie e posso assicurarti che ce ne sono molte che nascono con l'intenzione di screditare e offendere.
    Quella segnalata da novasintomnia non risponde affatto a quei criteri, non vi ho scorto alcuna intenzione polemica o provocatoria.
    Io non so chi voi siate su aNobii (io sono qui: http://www.anobii.com/301062/books) ma vi posso garantire che i veri troll sono altri. :-)
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Penso che il problema vada diviso in due. In questo spazio, Novasintomnia può chiedere come segnalare un commento che ritiene non appropriato e penso che Claire abbia risposto in maniera esauriente.
    La domanda, invece, se quel commento sia da ritenersi non appropriato non ho capito bene se la rivolge ad aNobii o agli utenti in generale. aNobii si può pronunciare solo nel caso venga segnalato, come Claire ha suggerito. Se poi, tanto per discutere, è interessato all'opinione degli utenti, non posso che rispondere che sono d'accordo con Paola. Non vanno bene gli attacchi personali non motivati, ma le critiche si possono certamente fare, anche quando lo stile è discutibile. Il Papa potrebbe anche scegliere di scrivere solo per i vescovi o solo per i cattolici,ma se pubblica un libro, che tutti possono leggere e comprare, è naturale che tutti e non solo i cattolici possono esprimere una loro opinione. Condivido l'amarezza che un'opinione espressa in termini violenti può provocare, ma una censura sarebbe un atto ancora più grave.
    • " Il Papa potrebbe anche scegliere di scrivere solo per i vescovi o solo per i cattolici,ma se pubblica un libro, che tutti possono leggere e comprare, è naturale che tutti e non solo i cattolici possono esprimere una loro opinione"
      Certo. Ma tutti possono leggere tutto, che discorso. Le encicliche son per i cattolici ma le trovi in tutte le librerie. E se un biologo scrive un libro di biologia, o un medico di medicina, un filosofo di filosofia, o un matematico di matematica, tutti e non solo i biologi i medici i filosofi i matematici possono leggerli. Naturalmente comprendendo ciò che possono, e in questo caso si vede assai...
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Siccome ogni recensione è pubblica e, al fondo, si può esprimere su di essa un' opinione, mi pare che si possa benissimo equiparare a una discussione.
    La maggior parte dei forum su internet, richiedono un utilizzo del linguaggio che sia rispettoso delle persone. Qui non si tratta di censurare un'opinione, come sostiene Paola ( " Ecco, inviterei tutti ad indignarsi per quel che è veramente grave ed inaccettabile e non per una opinione legittimamente espressa " ), ma semplicemente di criticare la modalità con cui viene espressa.
    Non mi pare poi che Novasintomnia abbia richiesto una cancellazione di Levtrotski da Anobii o che venga censurata la sua opinione. La sua domanda era " Vorrei sapere se il linguaggio da lui usato è conforme alla deontologia richiesta da aNobii ai suoi partecipanti ". Secondo me, quindi, si potrebbe ad esempio invitare Levtrotski ad usare toni meno " pesanti ".
    • Infatti Novasintomnia non ha chiesto alcuna sanzione per l'utente citato, semmai ha detto che lui si cancella. Più rispetto di così si muore. In ogni caso dire di un autore "ex nazista" a me sa di offesa alla persona, e non di commento al libro o all'autore in quanto tale, non so a voi ...
    • Quindi vogliamo censurare tutte le recensioni che invece di parlare del libro fanno riferimento all'attività dell'autore?
      Credo che allora una buona parte sarebbe a rischio, e per inciso non è che i fan del Papa siano immuni da questo modo di fare.
      Il fatto è che non tutte le opinioni possono piacere, anche quando non contengono insulti (insulti veri), in questo caso uno può o ignorarle o controreplicare esponendo le proprie ragioni, è inutile invocare il grande censore.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • aNobii scrive che i forum sono moderati e aNobii può certamente intervenire rimuovendo i post che non ritiene appropriati a suo insindacabile giudizio e l'utente che ritiene il commento non appropriato lo può segnalare, cliccando sull'apposito link.
    Tecnicamente, chi ha titolo per richiamare un utente è il moderatore di un gruppo, per quanto riguarda le discussioni all'interno di un gruppo e lo staff di aNobii per quanto riguarda gli altri contenuti.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Non ho riscontrato nella recensione di Levtrotski "una parola una" che si possa ritenere un'offesa all'autore del libro. Se qualcuno si sentisse in dovere di contestargli alcunchè, lo dovrebbe fare direttamente in calce alla recensione, dove chiunque può esprimere la propria opinione.
    • view 1 more comment
    • "Nazista" non è un'offesa, altrimenti anche "comunista" lo sarebbe.
      Se mai avrebbe dovuto scrivere con più precisione "appartenente alla gioventù hitleriana", ma non avrebbe avuto lo stesso peso nella frase. Invece di soffermarvi sulla singola parola, che ribadisco non è un'offesa, perchè non andate nella scheda del libro ad argomentare sul contenuto della recensione?
    • Scusa Chorse ma "nazista" non è necessariamente il contrario di "comunista" e comunque una parola assume un significato offensivo nel costesto in cui è usata. Esempio, se io dico: "Ho comperato un bidone" riferendomi a un grosso contenitore non sto disprezzando l'oggetto che ho appena acquistato, ma se dico la stessa frase in riferimento a uno stereo significhe che lo stereo non funziona bene e mi hanno imbrogliata.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Mi trovo assolutamente d'accordo con Paola, Cristina e Chorse.
    A mio parere quella di novasintomnia è un'esagerazione.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Per Chorse: beh, ribadisco che mi pare invece chiaro che in questo caso nazista abbia un intento denigratorio e offensivo. Tutti sanno che Ratzinger non è mai stato un "seguace, sostenitore del nazionalsocialismo", primo significato dato dal dizionario della lingua italiana De Mauro. Quindi viene da sè ( anche se già risultava evidente dal contesto e dai toni utilizzati nell'intera recensione ) che Levtrotski con quel termine intendeva il secondo significato indicato dal dizionario, vale a dire "est. SPREG. che, chi è ideologicamente di estrema destra e di atteggiamento VIOLENTO e RAZZISTA".
    Poi mi pare che Novasintomnia non abbia mica voluto intraprendere chissà quale crociata censoria riguardo alla libertà di opinione: basta rileggere bene l'intervento iniziale, che ho trovato particolarmente opportuno e pacato, per rendersene conto.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • L'epiteto è ingiurioso, nella accezione che riporta Laura, quando è rivolto, per esempio, a una persona della estrema destra, che non abbia vissuto quel periodo storico o che sia italiano, anche se la corte di cassazione ha emesso recentemente una sentenza che, anche in questo caso, si possa definire razzista o nazista chi esprime una determinata ideologia, quando razzismo e nazismo siano componenti storiche della stessa.
    Io penso, però, che in questo contesto dobbiamo essere realisti e pensare che aNobii non sia interessato ad approfondire una questione sotto l'aspetto giuridico, ma che sia piuttosto interessato alla soddisfazione dei clienti e una segnalazione in massa (per assurdo) come abuso della recensione, potrebbe avere come risultato la sua rimozione, indipendentemente dal fatto che essa possa "ledere l'onore o il decoro di .." o che sia un addebito falso o no.
    • Cristina: andare addirittura a cavillare sui riferimenti giuridici mi sembra veramente eccessivo. Mi pare sia sufficiente stare sul comune sentire. E per comune sentire quando si dà del nazista a qualcuno, solitamente tutti intendono si tratti di un' offesa e un insulto.
      Riguardo poi la rimozione della recensione come possibile conseguente risultato di questa discussione, ripeto quanto detto sopra: l' appunto non è sui contenuti della recensione, e quindi sull'esercizio della libertà di opinione ( e ci mancherebbe altro!!!), ma sui toni utilizzati.
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • 3
    A me, in tutta franchezza, sembra abbastanza assurdo essere ancora qui a discuterne tra noi.
    Come ha giustamente scritto chorse chiunque potrebbe interpellare direttamente Levtrosky e -eventualmente- confrontarsi con lui.

    Sui “toni” utilizzati... riporto qui il commento di tal Patatrac a Gomorra, libro da me molto amato:

    lettura per stitici
    fa veramente cacare...e se provate ad utilizzarlo per annetarvi il deretano...non sarà molto piacevole...ergo...manco buono per pulirsi il fetillo!

    Dissento, ovviamente, e trovo che QUESTI toni siano disgustosi, ma non cancellerei mai il mio account a causa di quel commento né aprirei discussioni qui per chiedere opinioni sul tema. :-)
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited

  • Riusciranno gli operatori di aNobii, che traducono i post in italiano con il traduttore automatico, a capire che la recensione postata da Paola non è sua? :-)))
    Vado a scrivere un feedback alla rece di Levtrosky. :-)
  • (some HTML allowed)
    How does this make you feel?
    Add Image
    I'm

    e.g. kidding, amused, unsure, silly indifferent, undecided, unconcerned sad, anxious, confused, frustrated happy, confident, thankful, excited